Bonus Sociale Energia per Luce e Gas

Il bonus sociale energia per luce e gas è uno sconto ed un’agevolazione sulle bollette dell’energia elettrica e del gas riservato alle famiglie in condizioni di disagio economico e alle famiglie numerose.

Relativamente all’energia elettrica è possibile richiedere il bonus anche per motivi di disagio fisico nel caso in cui una grave malattia costringa all’utilizzo di apparecchi elettromedicali indispensabili per il mantenimento in vita.

Il valore del bonus è aggiornato annualmente dall’Autorità entro il 31 dicembre dell’anno precedente. Sul sito dell’Autorità è possibile calcolare l’importo del bonus gas per Comune, tipologia di utilizzo del gas e numero di componenti del nucleo familiare.

Chi può fare richiesta del bonus luce e gas?

Come in tutte le tipologie di agevolazione, anche per la quella riservata alla luce ed al gas, è necessario rientare in determinati parametri per usufruirne. Ecco i casi in cui hai diritto a vederti riconosciuta la compensazione sulla bolletta di luce e gas.

[Bonus elettrico] Chi ne ha il diritto?

Bonus per disagio economico
Possono ottenere l’agevolazione tutti i clienti domestici intestatari di una fornitura elettrica per l’abitazione di residenza e che soddisfano le condizioni seguenti.

  1. Fino a 3 kW, per un numero di persone residenti fino a 4
  2. Fino a 4,5 kW per un numero di persone residenti superiori a 4
  3. E con una certificazione ISEE fino a:
    • 8.107,5 € per la generalità degli aventi diritto;
    • oppure 20.000 € per i nuclei familiari con più di tre figli a carico.

Bonus per gravi condizioni di salute – disagio fisico
Sono eligibili tutti i clienti domestici affetti da grave malattia o che ospitano un soggetto affetto da tale malattia che rende necessario l’utilizzo di apparecchiature elettromedicali (elenco delle apparecchiature salvavita riconosciute)

[Bonus gas] Chi ne ha il diritto?

Possono ottenere lo sconto tutti i clienti domestici diretti o indiretti, cioè titolari di un contratto di fornitura diretto oppure serviti da un impianto condominiale (clienti indiretti), rispondenti a tali caratteristiche:

  1. appartenenti ad un nucleo familiare con reddito non superiore a 8.107,5 €;
  2. appartenenti ad un nucleo famigliare con più di 3 figli a carico e reddito non superiore a 20.000 €;
  3. con misuratore gas di classe non superiore a G6 (questo dato, detto in parole povere, indica la portata del contatore e viene verificato dal distributore. Tieni conto che in un appartamento tipo, la classe del misuratore gas è di solito pari a G4).

Il bonus si applica solo alla fornitura di gas naturale trasportato da reti di distribuzione, esclude quindi il GPL e il gas in bombole.

L’agevolazione è disponibile sia per i clienti del mercato libero sia per i clienti del servizio di maggior tutela ed è inoltre cumulabile. Ciò significa che si possono cumulare più bonus e ricevere la compensazione sia per disagio economico che per gravi condizioni di salute.

Come si richiede l’agevolazione su luce e gas?

Per presentare domanda è necessario compilare gli appositi moduli e consegnarli al Comune di residenza o presso un altro istituto eventualmente designato dallo stesso Comune (per esempio i Centri di assistenza fiscale – CAF, Comunità Montane, ecc.).

Qualche Dato informativo

Negli ultimi 5 anni il 34% del numero totale stimato degli aventi diritto ha ottenuto il bonus elettrico, e il 27% ha ricevuto il bonus gas. Di questi, oltre il 30% non ha rinnovato il bonus l’anno successivo. Ciò evidenzia una disinformazione in merito a tale diritto, esercitabile dai clienti in difficoltà fisica ed economica.